Cambiare

Brutto segno quando un lavoro o un impegno comincia ad apparirti più una rottura che un piacere anche piccolo. Bruttissimo segno quando cominci a fare qualcosa di malavoglia. Pessimo segno quando cominci a mal sopportare qualcosa o qualcuno. Apparente senso di liberazione quando dici “Basta!” e te ne vai per la tua strada – ma è lì che comincia il […]

Continua a leggere

Un «bricolage, esistenziale e professionale»

Letto l’articolo di copertina dell’ultimo numero del magazine «IL» di «Il Sole 24 Ore» scritto da Giuliano da Empoli, viene solo da dire: leggetelo, leggetelo! È un ritratto – direi perfetto – dell’ambivalente rapporto dell’Italia con il suo passato (e, dunque, con il suo presente e il suo futuro). E soprattutto di quella generazione di mezzo (la tanto – spesso […]

Continua a leggere

Un anno, anche due, anche più

Un anno, anche due, anche più, prima di poter pervenire, compiutamente, a una nuova idea di sé nel mondo. Il passaggio da una fase all’altra della propria vita richiede sempre un’incredibile quantità di tempo. C’è un tarlo prima che comincia a scavare di nascosto in profondità; e quando in superficie inizia a emergere quella polverina fine, simbolo di qualcosa che […]

Continua a leggere

Tre punto zero?

Di nuovo, quella mattina, aveva letto che era «tutto un problema di scelte. E di priorità». Dunque, meglio «fare meno, ma farlo meglio». Concordava. Pensava da tempo che quasi in ogni campo bisognasse orientarsi verso un po’ meno cose, e alle volte anche un po’ meno persone, ma le une e le altre di qualità più elevata. Nel campo delle […]

Continua a leggere
1 2